Tu sei qui

Avvisi

30/8/2018 - Salse, sughi, passate e conserve: obbligo di indicazione dell'origine del pomodoro in etichetta

In vigore dal 27 agosto l'obbligo di indicare in etichetta l'origine del pomodoro per conserve, concentrati, passate, pomodori disidratati e per sughi e salse costituiti almeno per il 50% del peso netto totale da derivati del pomodoro. L'obbligo è stato introdotto dal decreto interministeriale del 16.11.2017 e si aggiunge a quelli, già in vigore, introdotti per latte e prodotti caseari, riso, paste di semola di grano duro.

Le etichette dovranno obbligatoriamente indicare:

  • Paese di coltivazione del pomodoro
  • Paese di trasformazione del pomodoro

Se queste fasi avvengono nel territorio di più Paesi possono essere utilizzate, a seconda della provenienza, le seguenti diciture: Paesi UE, Paesi NON UE, Paesi UE E NON UE. Per consentire lo smaltimento delle scorte, i prodotti che non soddisfano i requisiti previsti dal decreto perché immessi sul mercati sul mercato o etichettati prima dell'entrata in vigore del provvedimento, possono essere commercializzati entro il termine di conservazione previsto in etichetta.

L'obbligo è stato introdotto in via sperimentale fino al 31.12.2020 ma decadrà comunque dal 1.4.2020, data di entrata in vigore del Regolamento UE 775/2018, relativo alla fornitura di informazioni ai consumatori sul paese d'origine o sul luogo di provenienza dell'ingrediente primario di un alimento.

 

3/7/2018 - Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell'UE la Comunicazione della Commissione UE relativa alle domande e risposte sull'applicazione del regolamento (UE) n. 1169/2001 relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori. Il documento è stato redatto allo scopo di assistere gli OSA e le autorità nazionali competenti nell'applicazione del regolamento, fornendo risposte au una serie di domande sollevate dopo l'entrata in vigore dello stesso.

 

Il Regolamento (UE) n. 1169/2011 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 25 ottobre 2011 ha dettato, a decorrere dal 13 dicembre 2014, disposizioni in materia di etichettatura, presentazione e pubblicità degli alimenti, e, a decorrere dal 13 dicembre 2016, disposizioni sull'etichettatura nutrizionale.

Per approfondimenti sull'etichettatura alimentare, consulta il sito del Ministero dello Sviluppo Economico.

Sportello Etichettatura e Sicurezza Alimentare

La legislazione sulla sicurezza e l’etichettatura dei prodotti alimentari è stata arricchita da importanti contributi. Le nuove norme, emanate a livello europeo e nazionale, hanno creato un quadro giuridico che comporta alcuni adeguamenti da parte delle imprese. Per aiutare le aziende a interpretare correttamente la normativa e ad affacciarsi su nuovi mercati, la Camera di Commercio di Verona in collaborazione con il Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino, ha attivato lo Sportello di primo orientamento sull’etichettatura e la sicurezza alimentare.

DESCRIZIONE DEL SERVIZIO

Lo Sportello fornisce un servizio tecnico, completamente gratuito, rivolto alle imprese della provincia.

Gli esperti, infatti, sono a disposizione delle aziende per rispondere a quesiti in materia di:

  • sicurezza alimentare: autocontrollo, rintracciabilità, materiali a contatto con gli alimenti, allergeni, trasporto alimenti, shelf life, etc.
  • etichettatura: studio dei contenuti inseriti in etichetta e dell’etichettatura nutrizionale sulla base della normativa vigente (inserimento dei dati mancanti, adeguatezza della terminologia, etc.)
  • etichettatura ambientale: chiarimenti sulle informazioni da inserire sull'imballaggio relative all’etichettatura ambientale per il riutilizzo, recupero e riciclaggio dei rifiuti da parte dell’utente finale
  • vendita in UE ed esportazione extra UE dei prodotti alimentari: indicazioni riguardo alle fonti istituzionali da consultare per vendere ed esportare nei diversi Paesi, orientamento sui requisiti cogenti (analisi e documentazione) nei singoli Paesi extra UE.

Con riferimento all’etichettatura nutrizionale, il servizio di orientamento non riguarda la verifica della correttezza dei calcoli delle etichette nutrizionali ma del rispetto delle disposizioni vigenti relativamente alla forma e contenuti della stessa. Per la realizzazione di bozze di etichette – anche nutrizionali -  dei prodotti alimentari, sulla base della ricetta fornita dall'impresa, è possibile utilizzare il servizio Food Label Check.

DESTINATARI

Il servizio si rivolge alle imprese con sede legale nella provincia di Verona, che operano in tutta la filiera del settore agroalimentare (produzione, trasformazione e commercializzazione), in regola con il pagamento del diritto annuale.

COME ACCEDERE AL SERVIZIO

Per inviare una domanda allo Sportello Etichettatura e Sicurezza Alimentare è sufficiente:

oppure

  • scaricare il modulo disponibile nella sezione Modulistica, compilarlo  e inviarlo via e-mail all’indirizzo etichettatura@vr.camcom.it.

La Camera di Commercio di Verona, dopo aver valutato la tematica e la complessità del quesito, risponderà via e-mail. In alcuni casi, potrà essere proposto un colloquio di approfondimento tramite skype.

I servizi dello Sportello Etichettatura e Sicurezza Alimentare sono gratuiti per le imprese. La Camera di Commercio di Verona sosterrà il costo del servizio fino ad esaurimento delle risorse appositamente stanziate. La Camera di Commercio si riserva di addebitare i costi del servizio alle imprese che non dovessero risultare in regola con il pagamento del diritto annuale.

Guida Etichettatura dei prodotti agroalimentari del sistema camerale

Questa Guida nasce dall’esperienza e dalla collaborazione del sistema camerale, progettata in formato digitale, viene costantemente aggiornata, contiene 3 sezioni principali di interesse per le imprese: riferimenti normativi, FAQs e Schede prodotti del territorio. La guida è realizzata dal Laboratorio Chimico della Camera di Commercio di Torino con il contributo di varie Camere di commercio, Unioni Regionali e Aziende Speciali.

Food Label Check - Servizio per la realizzazione di un'etichetta in bozza

Il servizio, gestito da Unioncamere Veneto con il contributo della Regione Veneto, permette di realizzare una bozza di etichette dei prodotti alimentari, sulla base della ricetta fornita dall'impresa.

Per maggiori informazioni sul servizio.

Atti del Seminario "ETICHETTATURA DEI PRODOTTI ALIMENTARI - Aggiornamenti legislativi e casi pratici" - 4 giugno 2019

Atti del Convegno "Indicazioni nutrizionali e salutistiche sui prodotti alimentari" - 11 maggio 2017

Atti del Convegno “L’etichettatura alimentare nelle piccole produzioni artigianali" - 27 ottobre 2016

 

 

 

 

Ti è stata utile questa pagina?

Contenuto aggiornato al: 06 Giugno 2019

Per informazioni

Ufficio Vigilanza Prodotti Borsa Merci - Prezzi e Tariffe
IV piano
Orari: 
Lun-Ven 8:45-12:15 - Lun e Gio 15:00-16:30
Tel: 
045/8085899
Fax: 
045 8085789

Normativa

RegCE 178_02 (pdf, 226.08 KB) (226.08 KB) Reg1169-2011-UE (pdf, 1.13 MB) (1.13 MB) Regolamento UE n. 1924/2006 (pdf, 152.25 KB) (152.25 KB) Circolare 5 dicembre 2016 - Chiarimenti interpretativi forniti dalla Commissione europea riguardo al coordinamento delle disposizioni di cui al decreto legislativo 109/1992 dopo l’applicazione del regolamento (UE) n. 1169/2011 (pdf, 820.53 KB) (820.53 KB) D.Lgs. 7 febbraio 2017 n. 27 - Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni di cui al regolamento (CE) n. 1924/2006 relativo alle indicazioni nutrizionali e sulla salute fornite sui prodotti alimentari (pdf, 399.48 KB) (399.48 KB) •Circolare 6 marzo 2015 sull'applicabilità delle sanzioni dell’articolo 18 del Decreto Legislativo n. 109/1992 alle violazioni che restano immutate nelle disposizioni del regolamento (UE) n. 1169/2011 (pdf, 190.12 KB) (190.12 KB) D.Lgs. 231/2017 - Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni del regolamento (UE) n. 1169/2011 (pdf, 528.39 KB) (528.39 KB) Comunicazione della Commissione UE riguardante la fornitura di informazioni su sostanze o prodotti che provocano allergie o intolleranze (2017/C 428/01) (pdf, 510.96 KB) (510.96 KB) Comunicazione della Commissione sull’applicazione del principio della dichiarazione della quantità degli ingredienti (QUID) (2017/C 393/05) (pdf, 497.83 KB) (497.83 KB) Comunicazione della Commissione UE relativa all'applicazione del regolamento (UE) n. 1169/2011 (2018/C 196/01) (pdf, 132.36 KB) (132.36 KB)