Tu sei qui

Avvisi

04.04.2020 Estesa la validità dei titoli in proprietà industriale: tutti i titoli in scadenza tra il 31 gennaio 2020 e il 31 luglio 2020 conservano la loro validità per i novanta giorni successivi alla dichiarazione di cessazione dello stato di emergenza. Per saperne di più

 

20.04.2020 Il sito dell'Ufficio Italiano Brevetti e Marchi è stato ancora aggiornato in merito alla sospensione dei termini per i titoli di proprietà industriale in questo periodo di emergenza. Per saperne di più

 

20.04.2020  Sono state posticipate anche le date per la presentazione delle domande relative ai bandi MISE per la valorizzazione di brevetti, marchi, disegni a favore di micro, piccole e medie imprese. Nel link tutte le informazioni aggiornate: https://uibm.mise.gov.it/index.php/it/incentivi/marchi-3-e-riapertura-dei-termini-per-l-attribuzione-del-protocollo-online/covid-19-differiti-termine-bando-marchi-3

 

30.3.2020 Sono state pubblicate ulteriori nuove disposizioni per la gestione dei titoli in prorietà industriale e il funzionamento degli  Uffici Uibm in questo periodo. Per le ultime novità e per saperne di più

 

20.3.2020 Con l'entrata in vigore del decreto legge 17 marzo 2020, n. 18 (cd. decreto "cura Italia") , è stata disposta la sospensione di tutti i termini dei procedimenti amministrativi ed estensione della validità degli atti in scadenza, viene perciò ampliato, sia dal punto di vista temporale che oggettivo, il Decreto di cui alla news del 12 marzo che si trova più sotto. Per saperne di più

 

12.3.2020 - Con Decreto del Direttore Generale del Ministero dello Sviluppo Economico si informa che sono stati sospesi fino al 3 aprile 2020 i termini in scadenza per i procedimenti di competenza dell’UIBM . Concluso il periodo di sospensione, i termini riprenderanno a decorrere per la parte residua. Per saperne di più

 

9.12.2019 - Bandi MISE per la valorizzazione di brevetti, marchi, disegni a favore di micro, piccole e medie imprese

ATTENZIONE -  tenuto conto delle limitaizoni alle attività lavorative conseguenti all'emergenza da COVID-19 sono stati differiti  i termini di presentazione  dei bandi.

In rosso sono evidenziate le nuove scadenze.

Per saperne di più

  Risorse destinate Finalità Apertura bando Per maggiori informazioni
Brevetti+ 21,8 mln di euro (15% destinato a sturtup innovative)

L’incentivo viene riconosciuto per l’acquisto di servizi specialistici finalizzati alla valorizzazione economica di un brevetto in termini di redditività, produttività e sviluppo di mercato.

Le agevolazioni sono finalizzate all’acquisto di servizi specialistici relativi a:

  1. Industrializzazione e ingegnerizzazione
  2. Organizzazione e sviluppo
  3. Trasferimento tecnologico

È prevista la concessione di un’agevolazione in conto capitale, nel rispetto della regola del de minimis, del valore massimo di € 140.000.

Bando per la realizzazione di programmi di valorizzazione dei Brevtti tramite il finanziamento di progetti di proof of concept (POC) termine ultimo per la presentazione delle domande ore 24 del 20 aprile 2020.

Dalle ore 12:00 del 30 gennaio 2020 e fino ad esaurimento delle risorse

 

 

 

uibm.mise.gov.it

Disegni+4 13 mln di euro

L’incentivo viene riconosciuto per l’acquisto di servizi specialistici finalizzati alla valorizzazione di disegni e modelli singoli o multipli registrati a decorrere dall’1 gennaio 2018.

Le agevolazioni sono finalizzate all’acquisto di servizi specialistici esterni per favorire:

  • la messa in produzione di nuovi prodotti correlati ad un disegno/modello registrato (Fase 1 - Produzione)
  • la commercializzazione di un disegno/modello registrato (Fase 2 – Commercializzazione).
Dalle dalle ore 9:00 del 27 maggio 2020 e fino ad esaurimento delle risorse disponibili disegnipiu4.it
Marchi+3 3,5 mln di euro L’incentivo viene riconosciuto per l’acquisto di servizi specialistici finalizzati alla registrazione di marchi nell'Unione Europea e di Marchi internazionali Dalle ore 9:00 del 10 giugno 2020 e fino ad esaurimento delle risorse disponibili

marchipiu3.it

 

Novità in materia di marchio collettivo e marchio di certificazione. Proroga termini di presentazione delle domande.

Si avvisa la gentile utenza che, ai sensi dell'art. 33 del D.lgs. n. 15/2019, il termine previsto del  23 marzo 2020 per la conversione in marchio di certificazione o marchio collettivo nuova disciplina di  tutti i marchi collettivi in vita, registrati sulla base della normativa antecedente il D.lgs 15/2019, è stato prorogato al 31 dicembre 2020.

La conversione deve avvenire attraverso il deposito di una nuova domanda di registrazione di marchio collettivo o di certificazione, ai sensi della nuova disciplina, avendo cura di indicare nel campo note la seguente frase "Conversione in marchio di certificazione (o collettivo a seconda dei casi), così come definito dal decreto legislativo 15 del 20 febbraio 2019, del marchio collettivo avente numero di domanda....(inserire il numero di deposito del marchio collettivo registrato secondo la normativa antecedente il D.lgs. 15/2019; nel caso di marchio collettivo già rinnovato, inserire il numero dell'ultima domanda di rinnovo)". Per saperne di più.

----------

Attenzione alle richieste di pagamento per Marchi e Brevetti

Pervengono quotidianamente segnalazioni da imprese della provincia di Verona che hanno ricevuto comunicazioni con richieste di pagamento da soggetti estranei alla Camera di Commercio, con riferimento a marchi depositati.

Le comunicazioni (simili a quelle qui allegate) contengono di solito l'invito alle aziende a versare un corrispettivo per l'inserimento del proprio marchio/brevetto in pubblicazioni varie o banche dati online.

Si tratta di proposte rispetto alle quali la Camera di Commercio invita ad essere prudenti: queste comunicazioni nulla hanno a che fare con i servizi offerti  dall'UIBM (Ufficio italiano Brevetti e Marchi), dall'EUIPO (Ufficio dell'Unione Europea per la Proprietà Intellettuale), dal WIPO (World Intellectual Property Organisation) o dagli uffici della Camera di Commercio. Queste Istituzioni non inviano offerte simili, né richieste di pagamento per la registrazione o pubblicazione di marchi d'impresa.

Si raccomanda pertanto di usare la massima cautela nel sottoscrivere qualsiasi documento e di non effettuare alcun versamento di denaro prima di aver letto attentamente le clausole contrattuali proposte. Un elenco delle richieste più diffuse è pubblicato dal WIPO alla seguente pagina: http://www.wipo.int/pct/en/warning/pct_warning.html.

In caso di dubbio, invitiamo a inoltrare alla Camera di Commercio (all'indirizzo brevetti@vr.camcom.it) le richieste ricevute, al fine di valutare eventuali segnalazioni della pratica scorretta all'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, che ha messo a disposizione delle imprese un utile Vademecum dal titolo "IO NON CI CASCO! Bollettini e moduli ingannevoli"

 

 

La Camera di Commercio riceve:

  • domande di brevetto nazionale per invenzione industriale, modello di utilità;
  • domande per la registrazione di un marchio nazionale, internazionale e loro rinnovazione e registrazione di disegni e modelli ornamentali o serie ornamentale;
  • traduzione di brevetti europei;
  • ogni atto che riguarda modificazioni alla domanda originaria di marchio o brevetto (trascrizioni, ricorsi, istanze varie).

Provvede inoltre al rilascio degli attestati dei brevetti concessi dall'U.I.B.M..

Deposito online

Il deposito telematico delle domande di brevetto per invenzioni industriali e modelli di utilità, delle domande di registrazione di disegni e modelli e marchi d'impresa, delle istanze connesse a dette domande e dei rinnovi dei marchi può essere effettuato attraverso il portale di servizi online dell'Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (U.I.B.M.).



La Camera di Commercio non è in grado di dare informazioni o assistenza per il deposito online. Per questo è necessario contattare direttamente l'UIBM:

Portale di servizi online: https://servizionline.uibm.gov.it

Contatti per l'assistenza al deposito telematico:

Servizi informativi: hd1.deposito@mise.gov.it

Telefono : 06 4705 5602 dal lunedì al venerdì, esclusi i festivi.

Deposito cartaceo

Per l'invio della modulistica e delle istruzioni, si prega di mandare una mail di richiesta all'indirizzo brevetti@vr.camcom.it specificando il tipo di brevetto (ovvero MARCHIO, INVENZIONE INDUSTRIALE, MODELLO D'UTILITA' O MODELLO ORNAMENTALE).

L'ufficio provvederà ad inviare:

  • moduli delle domande da utilizzare; 
  • istruzioni per la compilazione delle domande e per i pagamenti;
  • procedura di controllo formale da seguire prima di ogni deposito;
  • siti delle banche dati ufficiali per la ricerca della novità / anteriorità a livello nazionale, comunitario ed internazionale.

Si prega di indicare sempre un recapito telefonico per eventuali comunicazioni.

Avvertenza - Sistemazione formale preventiva delle domande prima di ogni deposito.

Prima del deposito cartaceo della domanda di registrazione e di ogni altra istanza all'ufficio Marchi e Brevetti della Camera di Commercio, si prega di inviare (via mail brevetti@vr.camcom.it) la modulistica compilata, in modo che l'ufficio possa procedere alla verifica della corretta compilazione e ad eventuali correzioni formali; cioò al fine di evitare errori o imprecisioni nell’invio delle domande al Ministero dello Sviluppo Economico - Ufficio Italiano Brevetti e Marchi.

ELENCO degli ALLEGATI da inviare all'indirizzo e-mail brevetti@vr.camcom.it:

  • DOMANDA DEPOSITO MARCHIO E/O BREVETTI, istanze, dichiarazioni, verbali istanze (in formato PDF Editabile, non in altri formati);
  • riproduzione del MARCHIO in formato JPG, nei colori indicati nella domanda;
  • NUMERO DI TELEFONO per eventuali comunicazioni.

Successivamente alla restituzione al richiedente (via email) della modulistica sistemata formalmente, si prega di contattare l'ufficio per concordare un appuntamento per il deposito .

Le domande di deposito dei marchi d'impresa e dei brevetti per invenzione, modello di utilità e disegni e modelli possono essere anche spedite via posta raccomandata A/R direttamente all'U.I.B.M. (Ufficio Italiano Brevetti e Marchi) - Via Molise 19 - 00187 Roma

Costi e modalità di pagamento

I costi per il deposito delle singole domande sono indicati nelle istruzioni per il deposito per ciascuna tipologia (vedi GUIDE E MANUALI).

versamenti dei diritti di deposito delle domande e istanze vanno effettuati solamente tramite modello "F24 Versamenti con elementi identificativi" ed "F24 Enti pubblici" solo per gli Enti pubblici; il modello viene rilasciato al momento del deposito e riporta il numero del deposito e l'importo da versare. Sul mod. "F24 Versamenti con elementi identificativi" deve essere riportato il codice fiscale del soggetto depositante seguito senza interruzioni dalla lettera A; nel caso di compilazione di più righe, si utilizzano lettere diverse in relazione a ciascuna riga (es. prima riga dopo il codice fiscale lettera A, seconda riga dopo il codice fiscale lettera B, terza riga dopo il codice fiscale lettera C e così via).

versamenti dei diritti di segreteria a favore della Camera di Commercio di Verona possono essere effettuati:

  • su c/c postale n. 212373, intestato a Camera di Commercio di Verona - Ufficio Brevetti
  • ovvero con bonifico bancario intestato a Camera di Commercio di Verona, presso Banco Popolare di Verona - Verona Ag. 1 Corso Porta Nuova, 4 Verona - codice IBAN IT 69 F 05034 11702 000000002063, causale "diritti di segreteria marchi/brevetti".

Mantenimento in vita dei brevetti

Il pagamento dei diritti per il mantenimento in vita dei brevetti per Invenzione Industriale, Modello di Utilità e Disegni o Modelli va effettuato SOLAMENTE  tramite modello "F24 Versamenti con elementi identificativi" ed "F24 Enti pubblici" solo per gli Enti pubblici

Invenzione industriale - ha validità per 20 anni; la tassa di mantenimento in vita è  annuale e va pagata in anticipo dal 5° anno successivo al deposito entro il mese dell'avvenuto deposito.

Modello di utilità - ha validità per 10 anni; la tassa di mantenimento in vita è quinquennale e va pagata in anticipo al 5° anno successivo al deposito entro il mese dell'avvenuto deposito.

Disegno e Modello - ha validità 25 anni; la tassa di mantenimento in vita è quinquennale e va pagata in anticipo ogni quinquennio successivo al deposito entro il mese dell'avvenuto deposito. 

Il costo di ciascuna annualità aumenta con il numero degli anni. 

Si considera come data effettiva del pagamento unicamente quella riportata nel modello "F24 Versamenti con elementi identificativi" ed "F24 Enti pubblici" solo per gli Enti pubblici.

In caso di ritardo va corrisposta la sovrattassa a titolo di mora entro l’ultimo giorno utile del semestre successivo.

Se l’annualità non viene pagata nei termini il brevetto decade e con esso il diritto del titolare al suo utilizzo esclusivo.

Chiunque può provvedere al pagamento dell'annualità dovuta.

Possono effettuarsi più pagamenti anticipati ma solo nel caso in cui gli stessi si riferiscono allo stesso brevetto.

La quietanza di pagamento dei diritti relativi al mantenimento in vita deve essere conservata.

Tabella importi ed istruzioni per il pagamento delle annualità 

 

 

Domande ricorrenti

Qual è la differenza fra la registrazione del marchio nazionale, comunitario e internazionale?

La differenza principale riguarda l’estensione territoriale della tutela che si vuole dare al proprio marchio: con la registrazione nazionale il marchio sarà tutelabile solo in Italia, con la registrazione presso EUIPO il marchio sarà tutelabile in tutti i paesi della UE compresa l’Italia, con il marchio internazionale registrabile presso WIPO si potranno scegliere a livello mondiale i paesi in cui tutelarlo. Condizione per la registrazione internazionale è che per il marchio sia già stata presentata una domanda nazionale o nell'Unione Europea.

A seconda della tipologia di registrazione ci sono notevoli variazioni di tasse di concessione e le procedure sono diverse e gestite da enti diversi: il marchio italiano è gestito da UIBM (Ufficio italiano brevetti e marchi), il marchio comunitario è gestito da EUIPO (Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale), il marchio internazionale è gestito da WIPO (World Intellectual Property Organization - Organizzazione mondiale per la proprietà intellettuale).

Chi può registrare un marchio o un brevetto?

La domanda può essere presentata da persone fisiche o giuridiche o enti e la registrazione del marchio o del brevetto può essere intestata a più soggetti anche in percentuali diverse a seconda della proprietà.

Quali modifiche si possono fare ad un marchio depositato o registrato?

Le modifiche ammesse sono le variazioni di domicilio per le persone fisiche titolari, le variazioni anagrafiche della società e dell’ente titolare, la concessione in uso o la cessione a vario titolo, il sequestro ed il pignoramento, tutte queste modifiche devono essere sempre comunicate a UIBM su istanza di parte. Non è ammessa alcuna variazione dell’immagine grafica di un marchio depositato né si possono aggiungere classi o prodotti rispetto a quelli indicati nel deposito iniziale, mentre è consentito nel tempo comunicare l’eliminazione di prodotti o classi.

Come si può verificare se un marchio è già stato registrato?

Attraverso la consultazione di siti internet specifici è possibile la ricerca in banche dati ufficiali gratuite che permettono di verificare se un marchio è già stato depositato o iscritto. Le principali banche dati a disposizione sono:

www.uibm.gov.it/bancadati per i marchi nazionali

https://www.tmdn.org/tmview/welcome per i marchi, il sito riunisce la registrazione di marchi effettuata da svariati uffici di paesi di tutto il mondo

https://euipo.europa.eu/eSearch/ per i marchi comunitari registrati presso EUIPO

https://www.wipo.int/portal/en/index.html per i marchi registrati a livello internazionale.

Per una ricerca a tutto campo può risultare utile anche la semplice consultazione di internet.

Dove può essere registrato il marchio?

Premesso che la registrazione di marchi e brevetti non è soggetta a competenza territoriale in quanto tutte le registrazioni sono gestite da UIBM, se la domanda sarà presentata in modalità cartacea, si potrà procedere presso qualsiasi sportello dedicato delle Camere di Commercio. Il modello andrà sottoscritto da tutti i titolari.

Ti è stata utile questa pagina?

Contenuto aggiornato al: 05 Maggio 2020