Tu sei qui

Avvisi

IL BANDO SI E' CHIUSO IN DATA 12 MARZO 2018.

SI E' CONCLUSA LA PROCEDURA DI CONTROLLO DELLE DOMANDE PRESENTATE. LE IMPRESE RICEVERANNO COMUNICAZIONE DELL'ESITO DELLA DOMANDA VIA PEC.

LE INFORMAZIONI RIPORTATE IN QUESTA PAGINA COSTITUISCONO UN ESTRATTO DI QUELLE CONTENUTE NEL REGOLAMENTO. PER CONOSCERE IN MANIERA ESAUSTIVA LE PROCEDURE DI ASSEGNAZIONE DEL CONTRIBUTO, I SOGGETTI AMMESSI ED ESCLUSI, ETC., SI INVITA A CONSULTARE LA VERSIONE INTEGRALE DEL REGOLAMENTO SCARICABILE DA QUESTA PAGINA.

Graduatoria beneficiari - Bando Incentivi per l'Innovazione Tecnologica 2018.pdf

[accordion collapsed]

Fondi a disposizione

Il bando prevedeva uno stanziamento totale di € 1.000.000,00.

Chi può partecipare al bando

Per partecipare al bando le microimprese, le piccole imprese e le medie imprese (in breve MPMI) devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • avere sede legale e/o unità locali produttive in provincia di Verona;
  • essere attive;
  • essere in regola con le iscrizioni al Registro delle Imprese e/o REA e agli Albi, Ruoli e Registri camerali, obbligatori per le relative attività;
  • non essere sottoposte a procedure concorsuali di cui al R.D. 16/03/1942, n. 267 o a liquidazione e non trovarsi in stato di difficoltà ai sensi della Comunicazione della Commissione Europea 2014/C249/01;
  • non aver ottenuto, sulle stesse iniziative o programmi realizzati aventi ad oggetto gli stessi costi ammissibili, benefici finanziari dalla Camera di Commercio, dallo Stato, dalla Regione o da altri Enti Pubblici, anche per il tramite di enti privati, con esclusione delle eventuali agevolazioni fiscali previste da norme nazionali sugli investimenti.

Periodo di apertura del bando

Le domande potevano essere inviate esclusivamente in modalità telematica dalle ore 8:00 del 05 marzo 2018  alle ore 21:00 del 12 marzo 2018, per spese sostenute dal 13 marzo 2018 al 31 gennaio 2019.

Azioni e contributi previsti

E' previsto un contributo pari al 18%, se micro o piccola impresa, e al 9%, se media impresa, delle spese (al netto dell'IVA e di eventuali altre imposte e tasse) relative all'attuazione di una o più iniziative di cui all'art. 3 del regolamento, con un massimo di € 12.000,00 per impresa (€ 13.500,00 nel caso di impresa femminile o giovanile o € 13.500,00 nel caso di impresa iscritta nell'elenco di cui all'art. 8 del Regolamento per l'attribuzione del "rating di legalità").

Sono ammissibili progetti di importo non inferiore a € 5.000,00 al netto dell'IVA e di eventuali altre imposte e tasse.

Sono considerate ammissibili le spese sostenute per:

  • inserimento di metodologie di progettazione automatica collegata col processo produttivo (CAD);
  • inserimento di tecniche di automazione di fabbrica supportate da elaboratore (CAM);
  • inserimento di metodologie di controllo globale della qualità del prodotto;
  • inserimento di nuove tecnologie all'interno di processi o prodotti tradizionali tecnologicamente maturi;
  • rinnovo per l'ammodernamento di macchinari ed impianti tecnologici con esclusione degli impianti previsti dall'articolo 1 del D.M. 37/08;
  • inserimento di sistemi informatici e di telecomunicazione innovativi, esclusa la creazione di siti Internet e l'applicazione della normativa sulla privacy;
  • installazione di sistemi antifurto, antirapina (compresi centraline, sensori volumetrici, dispositivi di protezione perimetrale e telecamere di videosorveglianza) - tali investimenti non sono soggetti all'esclusione di cui all'articolo 1 del citato D.M. 37/08.
  • inserimento di soluzioni per la mobilità sostenibile, ivi compresi i punti di ricarica auto o bici elettriche.

Criterio di priorità per la formazione della graduatoria

L'ordine di precedenza nella graduatoria è determinato dall'ordine crescente dell'investimento ammesso a contribuzione. Ai sensi di quanto stabilito nell'art. 7 del Regolamento, nella predisposizione della graduatoria non si terrà conto dell'eventuale richiesta di contributo solo su una quota parte dell'investimento complessivo.

Come presentare domanda

Le domande dovevano essere compilate, firmate digitalmente ed inviate alla Camera di Commercio di Verona esclusivamente tramite la piattaforma Web Telemaco (http://webtelemaco.infocamere.it) - Servizi e-gov - Contributi alle imprese, dalle ore 8:00 del 05 marzo 2018 alle ore 21:00 del 12 marzo 2018, allegando i seguenti documenti:

  • MODELLO BASE generato dal sistema, che dovrà essere firmato digitalmente dal titolare/legale rappresentante dell'impresa o dal soggetto delegato;
  • ALLEGATI AL MODELLO BASE (da salvare e scansionare), che dovranno essere firmati digitalmente dal titolare/legale rappresentante dell'impresa o dal soggetto delegato:
  1. modulo di domanda contenente il programma dell'iniziativa;
  2. preventivi di spesa;
  3. modello F23 relativo al versamento dell'imposta di bollo, salvo i casi di esenzione;
  4. eventuale procura e copia del documento di identità del titolare/legale rappresentante dell'impresa richiedente.

E' obbligatoria l'indicazione di un unico indirizzo PEC, presso il quale l'impresa elegge domicilio ai fini della procedura e tramite cui verranno pertanto gestite tutte le comunicazioni successive all'invio della domanda.

Era ammessa per ciascuna impresa una sola richiesta di contributo (la prima pervenuta in ordine cronologico), articolata nelle varie tipologie previste dal bando.

Ti è stata utile questa pagina?

Contenuto aggiornato al: 11 Ottobre 2018