Tu sei qui

40° edizione Fedeltà al Lavoro, Progresso economico e Lavoro veronese nel Mondo

Avvisi

E' stato avviato il procedimento relativo alla 40° edizione della Fedeltà al Lavoro.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare l'Ufficio relazioni con il pubblico ai numeri 045 8085910/840 oppure all'indirizzo urp@vr.camcom .

 

E' un concorso che viene bandito, con modalità analoghe da tutte le Camere di commercio italiane che, attraverso tale mezzo, intendono assegnare un riconoscimento a tutti i lavoratori, dipendenti e autonomi che hanno ben operato nelle rispettive province.

I premi vengono consegnati durante una cerimonia ufficiale in occasione della quale viene assegnato anche il riconoscimento "Domus Mercatorum" all'imprenditore che si è maggiormente distinto nel contesto economico provinciale.

Vengono inoltre assegnati premi speciali alle personalità e agli organismi veronesi che si sono affermati nel campo della cultura e dello spettacolo, dello sport e per le attività in ambito sociale.

Premiazione 2016

20 aprile 2017 - XXXIX  Premiazione Fedeltà al Lavoro,  Progresso Economico e Lavoro Veronese nel Mondo  -   Al Giornale L'Arena il Domus Mercatorum.

Per la prima volta nelle 39 edizioni del Premio Fedeltà al Lavoro della Camera di Commercio di Verona il massimo riconoscimento per il contributo allo sviluppo socio-economico del territorio non è andato a un imprenditore, ma a un’impresa.

“Un riconoscimento per i 150 anni della testata che ha inciso in modo significativo sulla storia di Verona e provincia raccontandola ogni giorno” come ha spiegato il presidente di Confindustria Verona, Michele Bauli, che ha ritirato il premio assieme al direttore responsabile della testata, Maurizio Cattaneo, e al consigliere delegato del gruppo Athesis, Alessandro Zelger.

Un colpo di teatro che ha chiuso la cerimonia di premiazione di 22 lavoratori e 32 imprese con oltre 35 anni di lavoro e attività alle spalle, ospitata nel rinnovato auditorium della Camera di Commercio, completamente ristrutturata.

“Abbiamo aperto le porte al mondo del lavoro e dell’impresa e continueremo ad aprirle: grazie ai lavori di ristrutturazione affianchiamo ai nostri tradizionali servizi di promozione e sviluppo, anche quelli di un moderno centro congressi che mettiamo a disposizione della collettività e delle imprese” ha spiegato il Presidente della Camera di Commercio, Giuseppe Riello.

Riello ha poi tracciato un quadro della situazione economica di Verona che è 10° provincia per export, con oltre 10 miliardi di euro, 4° per import, 5° per interscambio commerciale. Un risultato dovuto anche all'intensa attività di promozione all'estero e di incoming di buyer e operatori portata avanti dalla Camera di Commercio, anche se in una condizione di continua riduzione delle risorse. A Verona nel 2016 ci sono stati 5.400 occupati in più, con il secondo tasso di disoccupazione più basso d'Italia. Per il secondo anno consecutivo lo stock delle imprese veronesi è tornato a crescere, se ne contano 96.211, 187 in più rispetto all’anno prima. Un tasso di sviluppo che è il primo in Veneto.

“Abbiamo migliorato i rapporti con gli enti locali – continua Riello - che oggi sono di reciproca soddisfazione. Imprenditori e amministratori locali hanno iniziato a parlarsi, a collaborare, ad aiutarsi vicendevolmente per continuare a svolgere il proprio ruolo di servizio all’economia e alla comunità locale. Le votazioni sono vince e mi auguro che i futuri amministratori abbiano il coraggio di abbandonare le vecchie logiche. Ci vuole una svolta, si deve uscire dagli schemi del passato, il mondo è cambiato. La politica a livello locale è strettamente legata all’economia, è necessario adeguarsi ai cambiamenti e tenere conto di questo legame a doppio filo e del ruolo positivo che l’economia stessa ha sul benessere della società. Lo spoil system non dovrebbe più esistere: anzi si dovrebbe riprendere in continuità da dove ha lasciato la precedente amministrazione, pur con le migliorie e ripensamenti del caso. Ci vuole più sensibilità per lo sviluppo della città, partendo dall’economia che traina a ruota tutto quanto”.

Lo dimostrano gli imprenditori premiati, tra i quali la Giunta ha voluto assegnare un riconoscimento particolare alla produttrice di olio, Monica Vaccarella, a Nicola Martini, noto customer scaligero  di moto, il cui locale-concessionaria in Basso Acquar è diventato un punto di ritrovo per i bikers. Un motu proprio  andato anche a Giorgio Sartori, per 22 anni direzione di Confcommercio Verona. E’ stato istituito anche un premio alla memoria perché il ricordo delle gesta imprenditoriali passate possa fare da insegnamento per gli imprenditori e i lavoratori del futuro. Lo hanno ritirato commossi, Silvia e Thomas Nicolis per conto del padre Luciano scomparso nel 2012. Un imprenditore che da ragazzino aiutava in famiglia, raccogliendo e rivendendo la carta dei sacchi di cemento, e che ne ha fatto un business fondando il gruppo Lamacart (lavorazione carta da macero). A esso ha affiancato il Museo Nicolis in cui ha raccolto gli oggetti della propria passione: le auto d epoca.

Gli altri premi speciali per il sociale, lo sport e la cultura hanno riconosciuto l’impegno della Comunità Francescana di Betania, più nota a Verona come i “frati del Barana”, nella gestione della mensa dei poveri e nell’ aiuto alle famiglie bisognose, Sergio Pellissier, bomber del Chievo, e i vincitori dell’ultima edizione di XFactor: i Soul System.

 

Premiazione 2017

La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Verona bandisce per l'anno 2017 un concorso per l'assegnazione di n. 50 premi in riconoscimento della fedeltà al lavoro, del progresso economico e del lavoro veronese nel mondo così ripartiti:

a) n. 18 premi “Lavoratori Dipendenti” a favore di lavoratori dipendenti, residenti nella provincia di Verona, che abbiano prestato servizio, per almeno 35 anni, presso la medesima impresa privata industriale, commerciale, artigiana, agricola o presso famiglie o studi professionali;

b) n. 25 premi “Imprese Longeve” a favore di imprese industriali, commerciali, artigiane o agricole, che abbiano almeno 35 anni di ininterrotta attività; dei 25 premi, compatibilmente con le candidature pervenute, almeno 3 sono destinati a imprese industriali, almeno 3 a imprese commerciali, almeno 3 a imprese artigiane, almeno 3 a imprese agricole e almeno 3 a imprese turistiche; nel caso di imprese individuali o società di persone è considerata continuativa l'attività svolta in ambito familiare;

c) n. 1 premio “Impresa Innovativa” a favore dell’impresa industriale, commerciale, artigiana o agricola che abbia conseguito risultati rilevanti nell’innovazione di prodotto o della produttività;

d) n. 1 premio “Impresa Internazionale” a favore dell’impresa industriale, commerciale, artigiana o agricola cha abbia saputo inserirsi sul mercato internazionale con risultati particolarmente significativi, attraverso un sensibile incremento delle attività di esportazione e/o un qualificato inserimento nel più vasto processo di internazionalizzazione;

e) n. 3 premi “Veronesi all’Estero” a favore di veronesi, nati in un comune della provincia di Verona o con ascendenti veronesi, che si siano particolarmente distinti all'estero, come imprenditori, liberi professionisti o lavoratori dipendenti;

f) n. 1 premio “Impresa Donna” all’iniziativa imprenditoriale femminile che abbia contribuito con idee ed esperienze significative all’espansione dell’impresa e alla sua affermazione nel contesto economico;

g) n. 1 premio “Impresa Giovane” all’imprenditore con non oltre 35 anni di età che, con proprio spirito di iniziativa e con l’apporto di idee originali e capacità manageriali, abbia ottenuto significativi risultati aziendali.

Possono concorrere all'assegnazione dei premi di cui ai punti b), c), d), f), g) solo le imprese con sede legale, secondaria o unità produttiva nella provincia di Verona.

La partecipazione è consentita per una sola categoria.

Le condizioni, le prescrizioni ed i requisiti previsti dal presente bando devono essere posseduti formalmente alla data di scadenza del termine di presentazione delle domande di partecipazione.

Tutti i premi saranno consegnati nel corso di una cerimonia solenne.

Le domande o segnalazioni dovranno essere redatte in carta semplice, sugli appositi moduli in distribuzione presso la sede camerale, gli uffici distaccati e scaricabili dal sito internet www.vr.camcom.it e dovranno essere presentate alla Camera di Commercio di Verona, a pena di esclusione, dal 19 giugno 2017 al 21 luglio 2017, a mezzo:

  1. consegna all’Ufficio Relazioni con il Pubblico della sede camerale o agli uffici distaccati di San Bonifacio, Legnago e Villafranca di Verona;

  2. pec all’indirizzo cciaa.verona@vr.legalmail.camcom.it (invio consentito solo da casella di posta elettronica certificata);

  3. raccomandata indirizzata a Camera di Commercio di Verona - Ufficio Relazioni con il Pubblico – Corso Porta Nuova 96, 37122 Verona (in questo caso farà fede la data di spedizione dall’ufficio postale, che non dovrà comunque essere anteriore al 19 giugno 2017 e posteriore al 21 luglio 2017).

    Esclusivamente per la presentazione delle candidature dei veronesi all’estero di cui all’art. 2, comma 1, lettera e) del presente bando, è ammessa la trasmissione delle domande o segnalazioni mediante posta elettronica (e-mail: urp@vr.camcom.it) o altri mezzi che consentano di determinare la data di invio.

Ti è stata utile questa pagina?

Contenuto aggiornato al: 13 Luglio 2017